Avvisi Parrocchiali 16 Gennaio 2021

Martedì diamo inizio alla novena dedicata al nostro patrono, S. Tommaso d’Aquino, in chiesa prima della Messa. Potete comunque pregarla a casa; il testo che potete seguire lo trovate in distribuzione in Chiesa.

Mercoledì alle 20.00 ci sarà la Scuola di Preghiera. Non sarà trasmessa in streaming, ma sarà solo in presenza.

Venerdì è l’anniversario della vestizione religiosa di Padre Pio. Alle 17.00 il Gruppo di Preghiera di Padre Pio si riunisce per la sua Giornata della Fedeltà, rinnovando le promesse battesimali e crismali.

Sabato è la memoria dello sposalizio di Giuseppe e Maria. Durante la Messa delle 18.30 ci sarà la benedizione degli sposi.

Domenica 24 è la Domenica della Parola, indetta da papa Francesco. Alle 16.30 avremo la fortuna di avere tra di noi Mons. Carmelo Pellegrino, promotore della fede della Congregazione delle Cause dei Santi ed esegeta biblico, che ci parlerà della Parola di Dio nel cammino di santità. È caldamente consigliata la partecipazione. Qui trovate la locandina.

A fine mese cominciamo il Corso di preparazione al matrimonio. Le coppie che volessero sposarsi in questo anno prendano contatto con il parroco per maggiori informazioni.

Avvisi Parrocchiali 9 Gennaio 2021

Questa settimana riprendono tutte le diverse attività della parrocchia: il Centro d’Ascolto, la distribuzione viveri il martedì e gli incontri di catechismo.

Martedì alle 17.00 c’è il Gruppo di Preghiera di Padre Pio.

Mercoledì riprende la Scuola di Preghiera alle 20.00.

A fine mese cominciamo il Corso di preparazione al matrimonio. Le coppie che volessero sposarsi in questo anno prendano contatto con il parroco per maggiori informazioni.

Avvisi Parrocchiali 2 Gennaio 2021

Lunedì 4 distribuzione straordinaria dei viveri (perché questo martedì 5 è giorno rosso). Dalla prossima settimana la distribuzione sarà sempre e di nuovo il martedì.

LaMessa di martedì 5 alle 18.30 è la prefestiva dell’Epifania.

Mercoledì 6 gennaio è l’Epifania, solennità di precetto; le Messe saranno alle 8.30, alle 10.00, alle 11.30 e alle 18.30.

Domenica prossima è la solennità del Battesimo del Signore. Durante la Messa delle 10.00 rinnoveremo le nostre promesse battesimali.

Lettera del Parroco

Parrocchia S. Tommaso D’Aquino

Via R. Lepetit, 99 i – 00155 Roma

tel.: 06.2280155

www.santommasodaquino.it

e.mail: parrocchia@santommasodaquino.it

18 Io ritengo, infatti, che le sofferenze del momento presente non sono paragonabili alla gloria futura che dovrà essere rivelata in noi. 28 Del resto, noi sappiamo che tutto concorre al bene di coloro che amano Dio, che sono stati chiamati secondo il suo disegno… 31 Che diremo dunque in proposito? Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi? 32 Egli che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per tutti noi, come non ci donerà ogni cosa insieme con lui? 35 Chi ci separerà dunque dall’amore di Cristo? Forse la tribolazione, l’angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada? 38 Io sono infatti persuaso che né morte né vita, né angeli né principati, né presente né avvenire, 39 né potenze, né altezza né profondità, né alcun’altra creatura potrà mai separarci dall’amore di Dio, in Cristo Gesù, nostro Signore. (Lettera ai Romani 8)

La fine di un anno e l’inizio del nuovo portano a fare un bilancio. È vero, il 2020 è stato un anno orribile, almeno dal punto di vista umano. È stato anche per me particolarmente doloroso, eppure – ve lo assicuro – non vorrei ritornare alla vita di prima. Avevo letto tempo fa che ad Auschwitz una donna, pur sapendo che sarebbe morta presto, aveva detto: «sono grata al mio destino per avermi colpita così duramente, perché nella mia vita di prima, quella borghese, ero troppo viziata e non avevo alcuna vera ambizione spirituale».

“Ambizione spirituale”: con gioia e stupore ho scoperto che diverse persone qui hanno “ambizioni spirituali” e hanno fatto tesoro di questo periodo. Il dolore passa, ma non passa il fatto di aver sofferto: la vita è cambiata e non ci si può fare niente, se non viverla in maniera diversa. Qui è la scelta più importante della nostra vita. La sofferenza è una lama che penetra, separa il bene dal male dentro di noi e costringe alla scelta: si può essere coraggiosi, forti, dignitosi e altruisti, o si può dimenticare la propria umanità nella lotta per sopravvivere e diventare animali di un gregge. Molti parrocchiani hanno scelto la propria dignità: hanno scoperto come la vita conservi il suo senso sempre, non solo quando realizza le nostre aspirazioni. Ne sono rimasto colpito: è una scoperta grande, che dona forza e consolazione.

La sofferenza, quando è accolta, apre gli occhi sulla fragilità della vita, crea desideri nuovi. La sofferenza accolta ci rende umili, ci fa riconoscere che abbiamo bisogno degli altri, ci rende solidali, purifica le relazioni. La sofferenza relativizza questo mondo, ci fa cercare l’eternità: il cuore dell’uomo è più grande di questa vita, scavalca il tempo e lo spazio per continuare ad amare i propri cari. La sofferenza vissuta apre il cuore a Dio, che a Natale si è fatto piccolo e il Venerdì Santo si è fatto sofferente: un Dio che ha accolto i nostri limiti pur di starci vicino.

Luigi Rocchi (1932-1979), affetto da distrofia muscolare progressiva, ha scritto: «La misericordia di Dio è stata grande. Mi ha fatto sperimentare una cosa bellissima e cioè che più il mio corpo andava giù, più il mio spirito saliva e prendeva coscienza di quanto la vita fosse dono, gioia. In altre parole, di quanto fosse meravigliosa. Mi fanno sorridere coloro che cercano le prove dell’esistenza di Dio e dell’anima… E la mia vita non si può considerare come una prova? Io, umanamente parlando, non avrei nulla per essere lieto e felice: non mi è stata data la giovinezza, la forza, lo star bene per almeno cinque minuti soli… eppure spesso mi visita la gioia: la gioia Dio la mette dove proprio uno non aspetta di trovarla… Poi vedi, la felicità è inutile cercarla fuori di noi, la felicità sta dentro di noi: direi che è una scelta. O meglio, la conseguenza di una scelta… Ho scelto Dio. Chi non Lo sceglie, che posso dirti, bisogna amarlo di più, perché avrà una vita davvero infelice e bisogna amare di più chi è più disgraziato di noi…».

È la potenza dell’amore di Dio in noi che opera questa trasformazione meravigliosa. Scoprirsi amati è il centro di tutta la nostra esistenza, amati come solo Dio può fare.

«Essere imprigionati in una cella di isolamento è veramente il paradiso. Tu ami Dio e Dio ti ama. Sono veramente benedetta e loderò Dio per sempre!» (Rose Hu, per 18 anni nelle prigioni cinesi perché cristiana).

L’anno 2020 è stato per alcuni, in fondo, un percorso di maturazione nell’amore, per scoprire il vero volto di Dio: Dio è gioia che non svanisce nemmeno quando è bagnata dalle lacrime. Il Suo Cuore è la nostra casa; la vita eterna è il futuro che ci dona. Avere un futuro significa avere una direzione, una ragione per cui alzarsi la mattina. Quando un uomo non crede nel proprio futuro è perduto, decade nel fisico e nello spirito. Siamo fatti per un futuro eterno.

Abbiamo bisogno di Gesù per questo percorso: nell’episodio evangelico delle due sorelle – Marta a fare mille cose e Maria ai piedi di Gesù ad ascoltarlo – Maria ha scelto la parte migliore (Lc 10,42), perché ha scelto di consacrare il suo tempo a Nostro Signore. Alcuni, in questo periodo, hanno scelto di stordirsi di sport, giochi, internet… Chi ha scelto invece di ascoltare la Parola di Dio ha scoperto che, proprio nella sofferenza, è Dio ad aver scelto la parte migliore per me, ciò di cui avevo bisogno per essere all’altezza del mio destino; chi è restato con Gesù si è ritrovato accanto alla Madonna, che lo ha incoraggiato perché riuscisse a seguire Gesù fino alla fine: il Calvario è terribile ma dura poche ore, la risurrezione invece è eterna.

È stato un anno orribile, ma non lo voglio dimenticare, perché ho imparato tanto e se sul momento ho rifiutato la sofferenza, se ancora faccio fatica in ciò che vivo, non voglio rinunciare ai frutti che colgo. Che almeno, se non altro, quest’anno passato non sia stato inutile, che almeno non mi resti solo il ricordo di un dolore, ma possa aver acquistato un cuore più tenero, una mente più saggia, un’anima più generosa e degli amici più veri! Il nuovo anno sarà più bello anche nella sofferenza se avrò imparato dal 2020 a vivere il mio tempo con Dio, Colui che mi rende forte, mi dona dignità, purifica il mio cuore e mi dona la Sua vita.

È l’augurio che faccio a ciascuno di voi: un tempo ripieno di Dio. Se c’è Gesù, tutto possiede una luce nuova, in ogni cosa – tolta la scorza amara all’esterno – posso scoprirvi l’amore di Dio… e questa è la vera gioia!

                            BUON 2021!

                                                                  don Domenico

Avvisi Parrocchiali 26 Dicembre 2020

Giovedì 31 dicembre alle 18.30 ci sarà la Messa prefestiva della solennità di Maria, Madre di Dio. Durante la Messa ricorderemo tutti i defunti dell’anno e canteremo il Te Deum, lucrando così l’indulgenza plenaria.

Venerdì 1 gennaio è solennità di precetto; non ci sarà la Messa delle 8.30, ma le Messe saranno alle 10.00, alle 11.30 e alle 18.30. Durante la Messa delle 11.30 canteremo il Veni Creator, lucrando l’indulgenza annessa.

Ricordo che per lucrare l’indulgenza è necessario partecipare alla comunione eucaristica in grazia di Dio e confessarsi negli otto giorni precedenti o seguenti.

Venerdì è anche il primo venerdì del mese: dalle 17.30 ci sarà l’adorazione eucaristica. Sabato 2 è il primo sabato del mese: a partire dalle 17.30 ci sarà la meditazione sui misteri del Rosario con la seguente recita.

Buon Natale!

Avvisi Parrocchiali 19 Dicembre 2020

Continuano gli appuntamenti di preghiera per la novena di Natale, fino al 24: dalle 17.30 adorazione con S. Rosario, preghiere della novena e Vespri.

Con le nuove disposizioni cambiano un po’ gli orari della settimana segnati sul calendario: lunedì non ci sarà alle 21.00 la Penitenziale per il Natale, ma ricordo che è sempre possibile chiedere la confessione: i sacerdoti sono sempre a disposizione in questo periodo. Se vi sono malati o anziani che non possono uscire, segnalatelo presto in segreteria e un sacerdote verrà a casa.

Martedì alle 17.00 incontro del Gruppo di Preghiera di Padre Pio.

Mercoledì non ci sarà la Scuola di Preghiera.

Il 24 è la vigilia di Natale: ci sarà regolarmente la Messa del giorno alle 8.30. Alle ore 17.00 ci sarà la Messa prefestiva di Natale e alle 18.30 la Messa della notte di Natale.

Il 25 è NATALE! Per evitare assembramenti abbiamo aggiunto altre Messe; le Messe saranno quindi alle 8.30 – 10.00 – 11.30 – 17.00 – 18.30 – 20.00.

Il 26, sabato, la mattina c’è la Messa feriale di S. Stefano, la sera è la prefestiva della domenica.

Il 27 sul calendario era prevista la Festa della Famiglia: per le nuove disposizioni, non sarà possibile farla.

Avvisi Parrocchiali 12 Dicembre 2020

Mercoledì comincia la novena di Natale. In Chiesa, sia durante la Messa delle 8.30 che la Messa delle 18.30 benediremo le candele (se non le avete voi, ce le abbiamo noi) da mettere davanti al Presepe, all’albero di Natale o alla Parola di Dio esposta in casa, come segno di unione con tutta la Chiesa e di benedizione della famiglia. Resteranno poi a disposizione per essere portate nelle case durante la settimana.

Mercoledì alle 20.00 ultimo incontro dell’anno della Scuola di Preghiera.

Domenica prossima ci sarà la donazione del sangue dell’Avis. Si svolgerà su prenotazione. In segreteria troverete informazioni sulla prenotazione.

Avvisi Parrocchiali 5 Dicembre 2020

Lunedì 7 la Messa delle 18.30 è la prefestiva dell’Immacolata.

Martedì è solennità di precetto, l’Immacolata Concezione di Maria: le Messe saranno con gli orari domenicali (8.30 – 10.00 – 11.30 – 18.30).

Durante la Messa delle 10.00, come ci è stato richiesto dal Cardinale Vicario, i sacerdoti si consacreranno a Maria Immacolata e affideranno le famiglie del quartiere alla Mamma celeste; benediremo anche i bambinelli del presepe.

Martedì alle 17.00 ci sarà regolarmente il Gruppo di preghiera di Padre Pio.

Mercoledì la Scuola di preghiera è alle 20.00.

Sabato prossimo ritiro di Avvento in parrocchia dalle 10 alle 13 dei seguenti gruppi: catechisti, mister scuola calcio, cori domenicali, addetti alla manutenzione e operatori della segreteria.

Avvisi Parrocchiali 28 Novembre 2020

Mercoledì la Scuola di preghiera è alle 20.00.

Venerdì è il primo venerdì del mese, ci saranno dalle 17.00 sacerdoti a disposizione per la confessione; pregheremo a partire dalle 17.15. 

Sabato è il primo sabato del mese. I sacerdoti saranno a disposizione per le confessioni a partire dalle 17.00 e dalle 17.15 cominceremo a pregare. Ricordo che sabato comincia anche il Triduo in onore dell’Immacolata.

Sabato c’è anche in parrocchia, la mattina dalle 10.00 alle 13.00, il ritiro di Avvento degli operatori della carità della nostra parrocchia: Caritas in tutte le sue componenti, i volontari dell’Avis, i ministri straordinari della comunione, chi si occupa della sacrestia e della pulizia della Chiesa e i membri dei gruppi di preghiera.

Domenica prossima, 6 dicembre, è il secondo giorno del Triduo dell’Immacolata e ci sarà, durante la Messa delle 10.00, l’inaugurazione e la benedizione del nuovo mosaico e della nuova statua dedicata a S. Tommaso d’Aquino

Sono in distribuzione in sacrestia i Messalini di gennaio e il Compendio del Catechismo.

Dalla Caritas diocesana ci è arrivata la richiesta di federe, asciugamani (anche grandi), coperte, lenzuola, cappotti, ciabatte, calzini e intimo. Se potete, portatele in segreteria e provvederemo noi a recapitare tutto.